Menu Chiudi

Prima bombardarono per primi la Libia per il petrolio,ora chiudono le frontiere all'immigrazione causata da loro.Questa è la Francia

Francia bombarda Libia petrolio immigrati

 Prima bombardarono per primi la Libia per il petrolio,ora chiudono le frontiere all’immigrazione causata da loro.Mentre Renzi tace.Questa è la Francia.

La Francia dovrebbe essere la prima ad addossarsi le responsabilità dell’attuale immigrazione,è lei la prima causa di tale fenomeno in quanto diede il via al bombardamento della Libia per il petrolio, portandola all’attuale destabilizzazione che ha permesso l’ingresso del califfato islamico.Invece a farne le spese è l’Italia,che, anche se partecipò anch’essa alla guerra per ottenere la testa del Rais,non ebbe un ruolo di primo piano nella faccenda. Il primo a prendere l’iniziativa fu Nicolas Sarkozy per motivi inconfessati ma palesi: la Francia era golosa del petrolio che Gheddafi vendeva a buon prezzo all’Eni. Quando il capo di Stato francese fece decollare una flotta aerea con l’ordine di bombardare la Libia, avviando un conflitto sciagurato, la cosiddetta comunità internazionale si mobilitò a propria volta per abbattere il regime del rais, sollecitando l’Italia a fare altrettanto. [banner]E adesso? Siamo nell’angolo, timorosi di essere attaccati, da un lato abbiamo l’ISIS che minaccia morte e distruzione, dall’altro vediamo chiudersi le frontiere francesi agli immigrati che rimangono bloccati in Italia.Siamo invasi e isolati… La Francia, oltre ai bombardamenti del 2011, oggi si sta macchiando di un crimine contro il diritto europeo ma anche contro l’umanità,non tanto per la chiusura delle frontiere, ma perchè la gendarmeria francese sta letteralmente rastrellando le sue città e deportando i clandestini, con furgoni, oltre il confine italiano affermando che gli stessi debbano stare da noi perché approdati in Italia. OLTRE A NON FARLI ENTRARE  CI SCARICANO ANCHE GLI ALTRI! Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook
Gli accordi internazionali parlano chiaro :il migrante va trattenuto dove viene identificato per la prima volta, e non dove approdano, quindi in Francia e non in Italia in questo caso. Ma l’Accordo di Dublino vale solo quando fa comodo a loro? Dov’è il Ministro degli Interni Angelino Alfano? Dov’è Matteo Renzi?Tutti in tv,a raccontarci che siamo in ripresa e l’economia va a gonfie vele… Fonti : http://www.ilgiornale.it/news/politica/litalia-torna-guerra-1094538.html http://www.beppegrillo.it/2015/06/liberte_egalite_1.html]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *