Menu Chiudi

Grande Flop EXPO.Pronostici alle stelle,Realtà alle stalle!Le TV tacciono e disinformano. IL VIDEO

expo

Insomma…
Una propaganda iniziata oltre un anno prima, investimenti da capogiro ed interessi immani che hanno fatto scuotere le opinioni di molti!
Ne hanno parlato fino alla nausea, e tutt’oggi questo “strazio mediatico” continua nelle nostre Tv, MA PENSATE CHE VI DICANO TUTTA LA VERITA’?

[banner]Se siete di questo parere vi sbagliate di grosso…
Sulle Tv Italiane fioccano numeri incoraggianti e positivi di afflusso sopra le aspettative ma nella realtà quotidiana si parla di FLOP MADORNALE, e ovviamente queste notixie non ve le dicono, per sapere cose di questo tipo dovreste guardare notiziari esteri come ad esempio la Tv Svizzera che spiattella un dato del tutto differente da quello che ci vogliono far credere: Bassissima affluenza e il 30% in meno di biglietti staccati.
INSOMMA, UN VERO FLOP CHE OVVIAMENTE CI TENGONO NASCOSTO.
Sarà forse perchè ci hanno investito troppo, buttando all’aria fior di milioni di euro che sarebbero stati utili per sfamare milioni di Italiani in crisi!!!

Si, perchè mettetevi in testa, che non basta l’EXPO per eliminare la fame nel mondo, non bastano stand di Coca-cola, Barilla, e quant’ altro per “imparare la giusta alimentazione” e debellare la mal nutrizione… Ci vuole ben altro per risolvere questo.
TANTO PER INIZIARE: OCCORRE UNA POLITICA SERIA E DECISIONI DIPLOMATICHE CHE TRATTINO PROBLEMI VERI… CI VUOLE L’IMPEGNO COERENTI DI TUTTI GLI STATI E LA BUONA VOLONTA’ DEI “GRANDI” DELLA TERRA…
Non chiacchiere e propaganda.
Perchè come si dice: contano i fatti, mentre le chiacchiere stanno a zero!
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Fatto sta sta, che le cose per l’Expo di Milano sono più serie di quanto si pensi… I 24 milioni di visitatori attesi in sei mesi dovrebbero essere raggiunti ipotizzandone circa 100 mila nei giorni feriali e 200 mila il sabato e nei giorni festivi. Ma per il quotidiano gli ingressi sarebbero attorno ai 60 mila nei feriali, circa 140 mila il sabato e non più di 100 mila la domenica. Per questo sono stati lanciati gli sconti serali. Semivuoti i parcheggi… Il commissario Giuseppe Sala ha spiegato che deve evitare lo “stress” per non cadere nella perfida “trappola dei numeri”, perché “c’è il rischio di esaltarsi o deprimersi, mentre io voglio che il mio team rimanga concentrato sulle cose da fare”. Per non parlare della grande bufala dei Biglietti venduti… Cari lettori, dovete sapere che i nostri soldi, TANTI SOLDI PUBBLICI…. Sono serviti per creare e mettere in moto una manifestazione il cui successo è al quanto dubbio. Lo stesso Giuseppe Sala non demorde e continua a rimarcare il fatto che vi sono stati milioni di biglietti acquistati… MA NON REALMENTE COSI’… Infatti si tratta di biglietti acquistati in prevendita da AGENZIE DI VIAGGI, tour operator o grandi rivenditori. Dunque a conti fatti, di cittadini privati ce ne sta BEN POCO!!! Ma in nostro Giuseppe Sala la sa lunga, e per questo onde evitare “STRESS PSICOLOGICO GRATUITO” ha deciso di segretare e mettere sotto chiave tutti i dati riguardanti l’ Expo, persino l’affluenza ai tornelli e ai parcheggi… Per non parlare del riserbo sceso sui trasporti pubblici a Milano! INSOMMA NON DOBBIAMO SAPERE SE QUESTA MANIFESTAZIONE VA MALE… Vogliamo parlare poi dei lavoratori a nero che hanno dichiarato di non essere stati pagati??
 Be la piaga si allarga fino a diventare qualcosa si inverosimile…Poco ci manca a far scoppiare un gran polverone…Ma le magagne non finiscono certo qui! Perchè come è vero che ci sono lavoratori a nero mai pagati, ci sono anche molti stipendi fame per ore e ore di lavoro…MA OVVIAMENTE NESSUNO DEVE DIRE QUESTE COSE…TUTTO DEVE SEMBRARE L’EMBLEMA DELLA PERFEZIONE….  Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Fonte Principale:
http://www.dagospia.com/rubrica-4/business/terzo-segreto-expo-commissario-sala-custodisce-gelosamente-dati-101239.htm

RIFERIMENTI e VIDEO: http://www.grandecocomero.com/expo-flop-biglietti-parcheggi-vuoti-tv-svizzera/

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *