Menu Chiudi

Dottor Mozzi e la DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO. Intolleranze, cibi consigliati e non

 

Dieta del Gruppo sanguigno

AVETE MAI SENTITO PARLARE DELLA DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO?
Di seguito troverete tutto quello che è opportuno sapere e potrete leggere ed imparare quali sono i cibi che il vostro corpo tollera e quali invece, sono da evitare!

La dieta del gruppo sanguigno è uno stile alimentare salutare basato su alimenti freschi, naturali e tradizionali, combinati correttamente. La correlazione tra cibo e sistema immunitario è stata sperimentata per la prima volta nel 1957.
Nel nostro paese è diventata molto popolare grazie a un medico piacentino, il dottor Mozzi.

Per il dottor Mozzi è fondamentale mantenere efficiente il proprio sistema immunitario, vera sentinella del nostro organismo. La sua sede principale risiede proprio nell’ apparato digerente, dove ogni alimento viene distrutto ed elaborato per poi essere trasportato, attraverso il sangue, in ogni cellula del corpo. Ma non tutti gli alimenti sono “a misura d’uomo”.

La strategia del dottor Mozzi è quella di individuare i cibi benefici per il proprio gruppo sanguigno di appartenenza, al fine di mantenere efficiente il sistema immunitario. In ultima analisi, rimanda a noi, con la ricerca dei cibi più idonei, la responsabilità della nostra salute. Dobbiamo “essere medici di noi stessi”: non c’è una verità assoluta ma dobbiamo “sempre dubitare, dubitare e provare”, perché il corpo manda segnali precisi da individuare e capire.

ECCO LE INDICAZIONI PER LA DIETA DEL GRUPPO SANGUIGNO

GRUPPO 0
– Il maggior responsabile dell’aumento di peso nel gruppo 0 è il glutine contenuto nel germe di grano e, più in generale, nei prodotti a base di frumento.
Le sue lectine interferiscono con il metabolismo indebolendo l’attività dell’insulina; questa reazione non causa soltanto un aumento del peso, ma a lungo termine può sfociare in patologie più gravi, come ad esempio il diabete. È inoltre particolarmente vulnerabile nei confronti di malattie infettive come peste, vaiolo, colera, tifo e malaria.

Le persone appartenenti al gruppo 0 hanno un sistema immunitario molto reattivo. L’apparato digerente è robusto e ha un ambiente interno acido in grado di tollerare un leggero stato di chetosi.

– Un altro elemento da tenere in considerazione sono le lectine di alcuni legumi (ad esempio le lenticchie e i fagioli di Spagna), dotate di un’alta affinità per il tessuto muscolare, che lo rendono alcalino e meno propenso ad accumulare energia
– C’è infine un terzo fattore cui il tipo 0 dovrebbe prestare attenzione, ed è la tendenza all’ ipotiroidismo (la tiroide non riesce a produrre la quantità di ormoni necessaria per far funzionare i processi metabolici a pieno ritmo). Un valido aiuto per le persone di gruppo 0 che soffrono di questa condizione è lo iodio, contenuto nel pesce e nelle alghe, che stimola la produzione di ormoni tiroidei.

Dieta del Gruppo sanguigno

GRUPPO A
Un’alimentazione salutare per le persone di gruppo sanguigno A è composta principalmente da ortaggi, frutta, legumi, pesce  e uova.
Le persone di tipo A si sentono meglio seguendo una dieta vegetariana, un’eredità tramandata dai loro antenati che erano diventati agricoltori stanziali e poco aggressivi.
Per questo motivo, chi appartiene al gruppo sanguigno A potrebbe sentirsi intorpidito e stanco dopo aver mangiato carne rossa, cosa che non avverrebbe con proteine di origine vegetale.

Le persone di gruppo A sono predisposte a sviluppare malattie di cuore, tumori e diabete. In particolare sono esposte a diversi tipi di cancro, come quello del seno, dello stomaco e tumori cerebrali.
– La carne rossa è la causa principale dell’aumento di peso nei soggetti appartenenti a questo gruppo
Un’altra causa dell’aumento di peso sono i latticini: essi sono infatti poco tollerati e possono rallentare il metabolismo.

GRUPPO B
Come per il gruppo 0, le persone appartenenti al gruppo B sono intolleranti al glutine di frumento.
Tendono inoltre a ingrassare con alcuni alimenti come lenticchie, grano saraceno, arachidi, sesamo e granturco, che possono influire negativamente sul metabolismo causando ipoglicemia, stanchezza e ritenzione di liquidi

I formaggi, generalmente da evitare per favorire la perdita di peso, con moderazione sono invece consigliati per il gruppo B  poiché aiutano a bilanciare il metabolismo (da preferire quelli ovini). Altri alimenti utili per questo scopo sono il fegato, le uova, la carne e gli ortaggi verdi.

GRUPPO AB
Il sistema immunitario del gruppo AB è resistente alle malattie infettive grazie alla presenza di entrambi gli antigeni. È caratterizzato anche dall’ assenza di anticorpi anti-A e anti-B.
La contemporanea presenza di caratteristiche di tipo A e B influenza notevolmente sia l’aumento di peso sia il dimagrimento.
– L’apparato digerente ha una tolleranza generale abbastanza alta, ma anche la scarsa acidità del gruppo A, che gli rende difficile digerire la carne rossa.
– Presenta inoltre le stesse intolleranze del gruppo B verso granoturco, grano saraceno, sesamo, fagioli di Spagna e di Lima e frumento, che riducono l’efficienza dell’insulina. Lenticchie e arachidi sono invece ben tollerate grazie alla parte A che, in questo caso, predomina.

PER LEGGERE MAGGIORI DETTAGLI CLICCA QUI E VAI AL SITO.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *