Menu Chiudi

Vietato fumare in macchina. E’ entrato in vigore il divieto con sanzioni da capogiro

divieto fumo fumare abitacolo 2

Il Governo italiano ha appena emesso il decreto: divieto di fumo in qualsiasi abitacolo con sanzioni da capogiro per chi non rispetta la norma.Dettagli

Il fumo, nell’abitacolo di una vettura, persiste infatti per almeno due ore e mezzo, anche se i finestrini vengono lasciati abbassati. E quello passivo è particolarmente dannoso, essendo portatore di 4mila agenti chimici nocivi per la salute, che nei bambini provocano asma, tumori e anche casi di morte improvvisa.

Il Governo italiano ha appena emesso analogo decreto: divieto di fumo in auto in presenza di donne incinte o bambini (cosa che mi sembra più che ragionevole), oltre al divieto per i tabaccai di vendere sigarette ai minorenni, pena multe che vanno dai 1000 ai 4000 euro, e divieto di vendere pacchetti da 10 sigarette o buste di tabacco da rollare inferiori ai 30 grammi, perché essendo più accessibili economicamente si pensa che siano più facilmente acquistabili dai giovani.
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Ecco l’ordine del giorno del Consiglio dei Ministri appena andato in scena:

TABACCO E CORRELATI

Recepimento della direttiva europea in materia  di lavorazione e presentazione dei prodotti del tabacco e correlati (decreto legislativo – esame preliminare)

[banner] Il Consiglio dei ministri, su proposta del Presidente Matteo Renzi e dei Ministri dell’economia e delle finanze Pietro Carlo Padoan, dello sviluppo economico Federica Guidi, delle politiche agricole e alimentari e forestali Maurizio Martina e della salute Beatrice Lorenzin, ha approvato un decreto legislativo di recepimento della direttiva 2014/40/UE del Parlamento europeo e del Consiglio del 3 aprile 2014 sul ravvicinamento delle disposizioni legislative, regolamentari e amministrative degli Stati membri relative alla lavorazione, alla presentazione e alla vendita dei prodotti del tabacco e dei prodotti correlati e che abroga la direttiva 2001/37/CE

Il recepimento della direttiva Ue sui prodotti del tabacco prevede queste novità:

  • il divieto di utilizzo di aromi caratterizzanti;
  • le avvertenze combinate (immagini e testo) relative alla salute devono coprire il 65% della superficie esterna del fronte e retro della confezione di sigarette o di tabacco da arrotolare;
  • le revisioni relative alle confezioni unitarie: divieto di vendita dei pacchetti da 10 e piccole confezioni di tabacco;
  • divieto di vendita a distanza transfrontaliera dei prodotti del tabacco e delle sigarette elettroniche ai consumatori;
  • le disposizioni relative alle sigarette elettroniche;

Importanti, inoltre, tutta una serie di disposizioni finalizzate alla tutela dei minori come:

  • divieto di vendita ai minori di sigarette elettroniche e contenitori di liquido di ricarica con presenza di nicotina e prodotti di nuova generazione;
  • divieto di fumo in autoveicoli in presenza di minori e donne in gravidanza;
  • divieto di fumo nelle pertinenze esterne degli ospedali e degli istituti di ricovero e cura a carattere scientifico (IRCCS) pediatrici, nonché nelle pertinenze esterne dei singoli reparti pediatrici, ginecologici, di ostetricia e neonatologia;
  • inasprimento delle sanzioni per la vendita e somministrazione di prodotti del tabacco, sigarette elettroniche e prodotti di nuova generazione ai minori;
  • verifica dei distributori automatici, di norma, al momento dell’istallazione e periodicamente, al fine di controllare il corretto funzionamento dei sistemi automatici di rilevamento dell’età dell’acquirente.

Fonte: http://www.italianosveglia.com/divieto_di_fumo_entrato_in_vigore_fate_girare-b-93699.html

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *