Menu Chiudi

Corruzione:Italia prima in Europa con 60 miliardi di euro (la metà del totale UE)

Corruzione: Italia prima in Europa con 60 miliardi di euro (la metà del totale UE).

 Triste primato per l’Italia: dei 120 miliardi che la Commissione Ue stima siano sottratti ogni anno all’economia continentale dalle tangenti, metà è di nostra competenza.

Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook



[banner]Quante sono le probabilità che in Italia gli appalti di un bando pubblico vengano viziati dalla corruzione? Il 10%, un dato altissimo, ben tre volte quello francese e 10 oltre l’olandese, dove il valore è inferiore all’1%. E’ quanto emerge da una ricerca effettuata da Price&Waterhouse per l’Olaf, l’agenzia antifrode europea: la trasparenza scarseggia ed il nostro paese è sempre più appetibile per i malfattori. Il dato parla chiaro e non lascia spazio alle interpretazioni: dei 120 miliardi che la Commissione Ue stima siano sottratti ogni anno all’economia continentale dalle tangenti, metà è di nostra competenza.

Il dossier ha preso in esame un campione di otto stati (Italia, Francia, Paesi bassi, Lituania, Ungheria, Spagna, Polonia, Romania) e cinque settori (come costruzioni e risorse idriche) ed è stato consegnato al Parlamento Europeo. Si scopre così che la bustarella va di moda nel settore dei corsi di formazione: in questo campo la possibilità che qualcuno abbia oliato finanziariamente gli ingranaggi supera il caso su quattro (28%), seguita dal settore idrico (27%). Bassa la truffa stradale (13%): i controlli sono più stretti e i casi meno frequenti. Il dato quasi raddoppia nelle ferrovie, soprattutto alla voce “materiali”. Siamo in buona compagnia, insieme a Ungheria e Romania, newentry nell’Ue. Il nostro tallone d’achille sono anche le gare truccate, dove il vincitore si conosce ben prima dei risultati: circostanza verificata nel 63 per cento delle violazioni delle regole. Il conflitto di interesse, cioè l’attribuzione a parenti o amici, è appena al 23%.

Su chi ricade la responsabilità? Secondo il dossier P&W “in molti stati i funzionari pubblici non sono specificamente addestrati per assicurare la trasparenza”. In Italia “la mancanza di capacità nella pubblica amministrazione nella gestione di strutture altamente complesse crea spazio per frodi e corruzione”. Ciò avviene “soprattutto dove potenti cartelli privati e organizzazioni criminali possono influenzare il processo di decisione politica”.

Fonte http://www.fanpage.it

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *