Menu Chiudi

Coronavirus. Prima vittima 14enne. Un bambino sano che faceva sport

vitor-godinho-morto coronavirus

Si chiamava Vitor Godinhoe aveva solo 14 anni, era sano e faceva sport ma il coronavirus si è accanito su di lui fino a ucciderlo. Il ragazzo è la più giovane vittima in Europa. Il ragazzino si è spento nelle prime ore di domenica mattina in un ospedale vicino Porto, in Portogallo, dove era stato ricoverato nelle scorse ore.
Era un adolescente sano, faceva sport, ma quando il virus lo ha colpito le sue condizioni si sono aggravate di volta in volta fino a quando la malattia non lo ha ucciso.

Era stato ricoverato tra venerdì e sabato dove era arrivato in già in gravi condizioni. I giorni precedenti, dopo aver riscontrato i sintomi lievi della malattia, gli era stato fatto il tampone ed era risultato positivo e pertanto messo in isolamento domiciliare. Nei giorni seguenti il ragazzo si è aggravato rapidamente ed è stato ricoverato, ma non ce l ha fatta.

La causa della sua morte è stata attribuita aad un sistema immunitario debole che ha permesso al coronavirus di togliergli la vita. I medici pensano che ad indebolire il suo sistema immunitario possa essere stata la psoriasi, patologia che aveva fin dalla nascita e che a volte può influenzare il sistema immunitario.

Il ragazzino con la sua famiglia risiedeva a Ovar, municipio di circa 50mila abitanti nel distretto di Aveiro che suo malgrado è diventato uno degli epicentri del contagio da covid-19 in Portogallo. La città da più di una settimana infatti è in lockdown, sottoposta a isolamento sanitario perché individuata dal governo locale come focolaio da coronavirus.

Di seguito un post pubblicato dalla scuola calcio di Aveiro dove il ragazzo giocava.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *