Menu Chiudi

Coronavirus. La Norvegia sospende l’app di tracciamento dei contagi: “privacy violata”

Norvegia sospende smittestopp app tracciamento contagi coronavirus

Anche la Norvagia, come molti altri paesi, ha ideato una app di tracciamento dei contagi da coronavirus simile alla nostra app Immuni: si chiama Smittestopp (‘Stop al contagio’). Ma è durata davvero poco in quanto le autorità sanitarie norvegesi ne hanno già sospeso l’utilizzo, proprio quando in Italia si sta lanciando e promuovendo in “pompa magna” l’app Immuni a livello nazionale.

Proprio come Immuni, l’applicazione Smittestopp, lanciata ad aprile, ha l’obiettivo di raccogliere dei dati per aiutare le autorità sanitarie ad analizzare la propagazione del coronavirus Sars-CoV-2 e informare gli utenti di una eventuale esposizione a una persona positiva a Covid-19. In precedenza Amnesty International aveva analizzato Smittestopp notando qualcosa di preoccupante per quanto riguarda la privacy: il tracciamento praticamente in diretta degli spostamenti degli utenti attraverso un aggiornamento frequente delle loro coordinate Gps inoltrato a un server centrale.

Successivamente Datatilsynet, l’organismo nazionale per la protezione dei dati norvegese, ha giudicato il software troppo “invasivo” per la privacy avvertendo le autorità sanitarie che hanno deciso di sospenderne l’utilizzo e di cancellare tutti i dati raccolti finora.
Inoltre le autorità ritengono che, in considerazione del basso tasso di contagi nel paese scandinavo, la raccolta di dati tramite l’app non può più essere considerata ragionevole in termini di privacy.

La decisione ha sollevato  critiche molto aspre specie dall’Istituto norvegese di salute pubblica. Camilla Stoltenberg, la direttrice di tale istituto spiega in un comunicato ufficiale:
Anche se non siamo d’accordo con la valutazione di Datatilsynet, ci vediamo comunque costretti a cancellare tutti i dati e interrompere il nostro lavoro in seguito al suo avvertimento”.

Intanto la Commissione europea dal canto suo ha lanciato una nuova app denominata “Re-open EU” che non è di tracciamento e che non ha nulla a che vedere con le app sopra citate. E’ un software dedicato soprattutto a chi ha intenzione questa estate di spostarsi all’interno dell’Unione europea sia per vacanza che per lavoro, e dà la possibilità di pianificare al meglio il viaggio conoscendo in anticipo le nuove norme dei paesi di destinazione.

Questa app centralizzerà tutte le informazioni fornite dagli Stati membri sullo stato della situazione post lockdown, aggiornandole costantemente, riguardo al’attraversamento delle frontiere, le restrizioni di viaggio e gli obblighi da rispettare (come la quarantena) per chi si reca in un altro paese membro, le misure di sanità pubblica come l’obbligo delle mascherine, i trasporti pubblici e tanto altro.

 

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *