Menu Chiudi

Coronavirus. Aiuti europei: più della metà vanno alla Germania

aiuti europei coronavirus

1.800 miliardi di aiuti sono stati autorizzzati dall’Europa. Cifra che si totatalizza sommando sussidi, prestiti e garanzie agli Stati membri. L’intera cifra è così ripartita:

con oltre 930 miliardi di euro messi finora in campo come disponibilità, la Germania assorbe il 55% dei 1.800 miliardi di euro da parte degli Stati come misure anti-crisi, di sostegno alla liquidità delle imprese e di salvataggio dei settori strategici in crisi.
Dopo la Germania, “la Francia – spiega un portavoce della Commissione contattato da La Stampa – ha notificato misure che rappresentano circa il 20% dell’ ammontare totale, l’Italia il 10%, il governo britannico il 5% e quello belga il 3%”

Ma perchè l’Italia solo il 10%? La Commissione europea, leggendo le carte e ciò che è scritto nero su bianco, ha ridimensionato le misure dettate del governo Conte per salvare le imprese italiane, abbassando da 400 a 200 miliardi la cifra ufficialmente deliberata nel decreto liquidità. Perchè è accaduto ciò?

Di seguito riportiamo una piccola metafora che propone il quotidiano “La Stampa” che rende molto bene il concetto: “I Paesi con i granai pieni potranno pompare nell’economia più denaro di quelli indebitati”. Per farla breve i paesi settentrionali avranno più risorse per ricapitalizzare imprese e settori strategici in crisi in seguito alla pandemia di coronavirus, lasciando indietro quelli più deboli e indebitati come l’Italia.

Dato lo scarso spazio di manovra il governo italiano si vedrà costretto a fare una selezione capillare delle aziende più produttive e sostenerle, lasciandone indietro altre. In pratica l’Italia, è il paese più colpito economicamente dalla pandemia, calcola e notifica misure per 400 miliardi, la Commissione ne riconosce solo 200 e si vede costretta a selezionare quali aziende lasciar morire e quali portare avanti. Siamo alla follia europea!

Per l’Italia, così come per altri paesi deboli, l’unica speranza che resta di un intervento massiccio e incondizionato sarà l’attivazione del Recovery Fund comunitario, il quale però è stato dilazionato da Berlino al 2021.
Impossibile negarlo, se in tempi come questi l’Unione Europea non esiste, allora non esisterà mai.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *