Menu Chiudi

Conte a interviene reti unificate: zona rossa estesa in tutta Italia

Giuseppe Conte zona rossa estesa in tutta Italia coronavirus

Nonostante le misure restrittive adottate dal Governo dopo l’emanazione del nuovo decreto, la situazione in Italia non solo non è migliorata, ma è addirittura peggiorata: i casi di contagio sono aumentati in modo incrementale e la situazione negli ospedali peggiora giorno dopo giorno.

Per questo il Premier Giuseppe Conte è intervenuto pochi minuti fa a reti unificate anticipando misure ancora più restrittive che stavolta riguardano tutta la penisola. Queste le sue parole:

“Vi comunico che abbiamo adottato una nuova decisione come Governo. Siamo consapevoli di quanto sia difficile cambiare le nostre abitudini, ho la massima comprensione per tutti gli italiani, per i giovani. Purtroppo non c’è tempo, i numeri ci dicono che stiano avendo un aumento dei contagi, delle persone in terapia intensiva e dei deceduti. Le nostre abitudini, quindi, vanno cambiate, ora. Dobbiamo rinunciare tutti a qualcosa: è per questo che abbiamo deciso di adottare misure più forti e stringenti, per contenere l’avanzata del Coronavirus e tutelare la salute dei nostri concittadini, che è il nostro obiettivo primario.

Sto per firmare un provvedimento che possiamo sintetizzare con l’espressione: io resto a casa. Non ci sarà più una zona rossa, non ci saranno più una zona 1 e una zona 2 della penisola. Ci sarà un’unica zona: saranno da evitare su tutto il territorio gli spostamenti, a meno che non siano necessari per tre circostanze: comprovate ragioni di lavoro, casi di necessità e motivi di salute. Aggiungiamo un divieto degli assembramenti all’aperto e in locali aperti al pubblico. Comprendiamo la voglia dei giovani, non ci possiamo permettere più queste occasioni di aggregazione che diventano occasioni di contagio. Non è facile, sono consapevole della gravità di adottare queste misure, ma sono consapevole della necessità di intervenire in maniera più decisa“.

Di seguito l’intervento integrale.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *