Categorie EconomiaNews

Contanti addio dopo Natale: bancomat obbligatorio per questi pagamenti

Si va sempre di più verso l’eliminazione del contante a vantaggio di carte di credito e bancomat. Il Governo intende combattere l’evasione fiscale introducendo un nuovo limite all’utilizzo dei soldi cash.

Foto: pixabay.com

L’evasione fiscale è un problema che attanaglia la nostra nazione ormai da molto tempo. Per questo si è deciso di intervenire su ogni singolo pagamento introducendo una soglia massima sull’utilizzo dei soldi cash. Verrà introdotto un nuovo limite previsto dal 1° gennaio 2022 per quanto concerne i pagamenti con soldi contanti. Per l’anno in corso il limite era fissato a 2000€, dal 1° gennaio 2022 dimezzerà, passando a 1000€.
Questo sta a significare che non si potranno effettuare pagamenti con denaro contante, per l’acquisto di beni o servizi, superiori a 1000 euro.

Si tratta in pratica di un limite di spesa, per ogni singolo acquisto, oltre il quale è necessario l’utilizzo di strumenti tracciabili, come bonifici, bancomat e carte di credito. L’obiettivo è quello di incentivare le transazioni digitali.
Questa soglia ha già subito dei ribassi nell’ultimo decennio, ma il restringimento non si ferma. Andiamo verso la fine dei soldi cash? Vediamo cosa si potrà fare e cosa no.

Verso l’abolizione del denaro contante

Abbassando il limite di utilizzo del denaro contante infatti, i consumatori saranno costretti ad effettuare pagamenti tracciabili per beni o servizi che magari hanno finora pagato in contanti. L’intenzione è quella di costringere sempre più persone all’utilizzo della moneta digitale.
Il primo a fissare un limite sull’utilizzo dei soldi cash fu il governo Berlusconi nel 2002, la soglia oltre la quale non si poteva effettuare un pagamento in contanti fu fissata a 12.500€. Il governo Renzi nel 2016 la ridusse drasticamente a 3.000€, lo scorso anno scese a 1999,99€ e dal 1° gennaio 2022 la soglia oltre la quale non si potrà fare un acquisto in contanti ammonterà a solo 999,99€.

Anche se un bene viene acquistato a rate, quindi con pagamenti frazionati, l’ammontare totale del pagamento non deve superare tale soglia. Per pagamenti superiori a tale soglia sarà obbligatorio l’utilizzo di strumenti tracciabili come bonifici, carte di credito, pagamenti tramite POS eccetera. Bancomat sempre più obbligatorio quindi. Chissà se non diventerà totalmente obbligatorio in futuro.

Inoltre si applica in tutti i campi, e non solo nei pagamenti in esercizi commerciali. Riguarda ad esempio anche il trasferimento di denaro, donazione in contanti tra padre e figlio. Se superiore a tale soglia anche questa operazione andrebbe effettuata con strumenti tracciabili.
Ai trasgressori potrebbero essere applicate sanzioni che possono arrivare fino a 50.000e in base alla transazione in contanti effettuata. E ad essere multato non è solo chi paga, ma anche chi riceve denaro.

Gaglione Danilo

Sono Gaglione Danilo, un perito tecnico informatico, blogger e web writer. Ho creato io stesso Jeda News e scrivo personalmente i contenuti per il sito. Quella del web writer è una passione che coltivo da tempo. Mi piace scrivere, andare alla ricerca dei retroscena e scoprire la verità.

Pubblicato da
◄ PREVIOUS
NEXT ►