Menu Chiudi

I manganelli di Renzi non risparmiano nemmeno il consigliere comunale di Napoli. VIDEO

consigliere comunale manganellato a napoli

Durante gli scontri  di Napoli per l’arrivo di Renzi, i manganelli della polizia non hanno risparmiato nemmeno Eleonora De Majo,il consigliere comunale.VIDEO

E’ vietato contestare Renzi, chi chiede risposte riceve manganellate, anche se tra coloro che protestano vi è un consigliere comunale della stessa città che lo ospita. Forse la polizia non lo sapeva, ma ecco cosa succede con un uso indiscriminato dei manganelli…

[banner]Eleonora De Majo è consigliere comunale di Napoli, nonchè presidente della commissione urbanistica. Si trovava nel bel mezzo della protesta durante la visita di Renzi a Napoli tra coloro che protestavano ed è stata colpita con una manganellata sulla fronte dalla polizia.
Ancora spaventata è stata intervistata dalle telecamere di Fanpage:

“La gestione dell’ ordine pubblico quando il Premier viene in città è diventata francamente insopportabile, ogni qualvolta che Renzi si presenta a Napoli ci troviamo davanti una città blindata, ed un uso assolutamente insensato della forza e della violenza da parte delle forze di polizia. Renzi quando prese l’incarico di Presidente del Consiglio disse che la sua scorta era la gente, questo lasciava immaginare in qualche modo un Premier che poteva camminare libero per le strade della città, invece pare che ovunque vada tutto ciò che vediamo è botte, manganelli e sangue. Forse non è poi così vero che la sua scorta è la gente ma gli agenti di cui si deve dotare per difendersi”
Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Successivamente le telecamere di Fanpage sono andate ad intervistare anche il Sindaco di Napoli de Magistris, il quale non informato su ciò che era accaduto al consigliere comunale De Maio, ha confermato che ogni qualvolta il Premier si muove il clima è infuocato.
Vi mostriamo di seguito il video delle interviste sopra descritte

Ora vi mostriamo il consigliere De Maio in una ulteriore intervista fatta da Il Fatto Quotidiano dopo l’aggressione

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *