Menu Chiudi

Nonostante i messinesi sono senz'acqua da quasi 20 giorni i burocrati bloccano i lavori alla condotta

messinesi senza acqua da 20 giorni condotta

I messinesi sono senz’acqua da quasi 20 giorni,eppure i burocrati hanno il coraggio di bloccare i lavori alla condotta.Ecco quello che non vi dicono i tg.

Si sa che la burocrazia in Italia è un cancro quasi come la criminalità organizzata. Essa è capace di ostacolare ogni cosa inutilmente, anche in casi di emergenza assoluta come quello che si sta vivendo in questi giorni a Messina, dove i residenti sono senz’acqua da 17 giorni a causa di un guasto alla condotta provocato dalle critiche condizioni climatiche dei giorni scorsi. Nemmeno nei paesi del terzo mondo una popolazione viene lasciata in queste condizioni per tutti questi giorni, eppure c’è chi sostiene che “l’Italia è leader in Europa”, che “l’Italia riparte” ecc. [banner]Quando non si riescono a far ripartire neppure i lavori ad una condotta, come si può far ripartire un’intera nazione? Una nazione impantanata tra criminalità organizzata e cavilli burocratici. Nonostante alla popolazione di Messina manchi a sufficienza l’elemento essenziale per la vita cioè l’acqua (la quale viene razionata e distribuita da alcune autobotti, in una quantità che però permette ai cittadini di bere ma non sempre di lavarsi), il Corpo Forestale dello stato e il Comune di Calatabiano (Messina) hanno avuto il coraggio di fermare il cantiere per realizzare il bypass sulla condotta per l’assenza di due certificati. Infatti come riferisce  IL FATTO QUOTIDIANO : <<La storia dell’emergenza acqua a Messina prende una piega grottesca: i lavori non si possono fare perché mancano due autorizzazioni. L’Azienda meridionale acque, titolare di progetto di realizzazione di un bypass che serve a dare continuità alla condotta, è stata bloccata dal Corpo Forestale e dal sindaco di Calatabiano, in provincia di Catania. A mancare, in particolare, sono la dichiarazione di inizio lavori e il piano di sicurezza per i lavoratori. Il presidente dell’Amam Leonardo Termini assicura di aver pronti i documenti per sbloccare i lavori.>> Ora quanto ci vorrà per sbloccare i lavori? In situazioni di emergenza come questa serve buonsenso più che burocrazia, è giusto che tutto sia in regola ma è ancor più giusto dare al più presto acqua ai messinesi. Ormai è risaputo che in Italia la legge si applica per filo e per segno solo nelle situazioni in cui sono vittime i lavoratori o i normali cittadini, invece nei casi in cui le vittime sono le “alte cariche” o i “personaggi noti”, è sempre il buonsenso a prevalere sulla legge… Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook
Intanto <<La Protezione civile assicura che dall’inizio dei lavori il bypass verrà completato in una settimana>>. Resta solo da capire la data dell’inizio dei lavori….]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *