Menu Chiudi

Alzheimer ed Ipertensione… Ecco come puoi curarti con la CANNELLA! Scopri come

Cannella Chi lo avrebbe mai detto che una spezia, per di più così saporita e buona ha tali benefici al nostro organismo? Molte volte sottovalutiamo le risorse naturali che abbiamo a portata di mano. Non ci rendiamo conto dei loro potenziali e scegliamo la medicina. In natura però, esistono innumerevoli prodotti tra spezie ed erbe che aiutano il nostro organismo a stare bene e ci permettono di controllare determinate patologie. Un pò come facevano i nostri nonni quando la scienza era ancora un mondo da scoprire e quando le medicine non avevano ancora preso il sopravvento sulle malattie… Oggi vi parliamo della CANNELLA. Una spezia che vanta una storia millenaria, raccontata anche nella Bibbia, tramandata dagli Egizi e utilizzati fino ad oggi… La cannella è sempre stata utilizzata in ambito culinario ma può avere enormi effetti benefici anche per la salute. E siamo qui apposta per scoprirli e farveli conoscere. Recenti studi indicano che essa è in grado di controllare e ridurre la pressione sanguigna aiutando inoltre, a prevenire la malattia dell’ Alzheimer.  [banner]Alcuni ricercatori dell’Università di Tel Aviv hanno scoperto che un estratto di cannella può inibire lo sviluppo della malattia di Alzheimer. Lo studio, pubblicato su Plos One, dal dottor Michael Ovadia e colleghi del Dipartimento di Zoologia dell’UTA. L’estratto è chiamato CEppt ed è stato provato su topi geneticamente modificati. [https://it.wikipedia.org/wiki/Cinnamomum_verum] EFFICACE CONTRO L’ ALZHEIMER La malattia di Alzheimer è la forma più comune di demenza senile che colpisce uomini e donne in tutto il mondo. Al giorno d’ oggi è sempre più diffusa ed è una malattia davvero debilitante sotto ogni punto di vista. Attualmente, non esiste una cura per l’Alzheimer, ma la speranza potrebbe essere stata trovata  all’interno della cannella. Si avete capito benissimo! In un  recente studio clinico della  University of California  di Santa Barbara , si è scoperto che due composti all’interno della cannella: cinnamaldeide ed epicatechina, potrebbero avere  il potenziale per scongiurare o prevenire la malattia di Alzheimer.  Un grande passo avanti che potrebbe rappresentare davvero una svolta epocale per questa malattia. Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

Il potere protettivo di questi composti risiede nel fatto che essi possono proteggere dallo stress ossidativo una delle proteine ​​componenti fondamentali dei neuroni, chiamata tau. Questo tipo di stress ossidativo e il danno incluso sono un fattore molto comune nella malattia di Alzheimer. Proteggendo o impedendo che ciò accada, permette alla tau di funzionare più correttamente, e quindi ai neuroni di funzionare più correttamente. [http://mangiosintetico.blogspot.it/2014/01/ipertensione-e-alzhaimer-curati-con-la.html] La cannella inoltre potrebbe aiutare a rallentare o invertire la progressione della malattia di Parkinson. A renderlo noto sarebbero stati i membri del Rush University Medical Centre, i quali hanno condotto una nuova ricerca, basata su un campione di topi con malattia di Parkinson. Dalla ricerca sarebbe emerso che i composti contenuti nella cannella potrebbero effettivamente invertire e annullare i cambiamenti biomeccanici, cellulari e anatomici che avvengono nel cervello di chi soffre della malattia di Parkinson. [https://it.wikipedia.org/wiki/Cinnamomum_verum]

ABBASSA ANCHE IL COLESTEROLO.

La Cannella è stata provata  anche per avere la possibilità di ridurre il colesterolo LDL (“colesterolo cattivo”). In uno studio del 2003, a pazienti con diabete di tipo II è  stata somministrata cannella per 40 giorni. Lo studio ha dimostrato che 1, 3 e 6 grammi di cannella al giorno sono stati sufficienti a ridurre significativamente il colesterolo LDL e i  trigliceridi. D’altra parte, uno studio molto simile effettuato nel 2006 non è riuscito a trovare un significativo effetto ipocolesterolemizzante della cannella . Quindi ulteriori studi si rendono  necessari per verificare e dare una migliore immagine sul potenziale di riduzione del colesterolo della  cannella. .[http://mangiosintetico.blogspot.it/2014/01/ipertensione-e-alzhaimer-curati-con-la.html]]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *