Menu Chiudi

Bertolaso: “Zangrillo mi ha salvato la vita, senza di lui sarei morto”

Alberto Zangrillo è un medico spesso criticato ed etichettato come negazionista, nonostante non abbia mai negato l’esistenza del virus. Il professore si è sempre manifestato in controtendenza rispetto ai vari virologi che vanno spesso a terrorizzare la gente in tv, ma non negando mai l’esistenza del virus, tranquillizzando invece gli italiani sul fatto che il virus, a differenza  dei mesi di picco della pandemia, è ora più gestibile, meno forte e più curabile, anche grazie ai progressi fatti nel campo della medicina sulla questione.

Non ha mai sminuito ne sottovalutato la questione, ma allo stesso tempo ha sempre smorzato i toni allarmistici dei mass media che continuano a terrorizzare gli italiani. Zangrillo lavora in prima linea, e il virus lo “tocca con mano” metaforicamente parlando, altri pseudo virologi che si vedono spesso in tv molto probabilmente non hanno mai curato un solo paziente infettato da questo virus maledetto.

Una delle testimonianze, oltre a quella del leader di Forza Italia Silvio Berlusconi, guarito dal prof. Zangrillo, che ha definito questa esperienza “la più dura della mia vita”, arriva da Guido Bertolaso, l’ex capo della Protezione civile, ammalatosi gravemente in primavera nel periodo di picco della pandemia.
Intervistato da Myrta Merlino per la trasmissione “L’aria che tira” ha dichiarato quanto segue:

bertolaso zangrillo mi ha salvato la vita

“Ne ho viste di tutti i colori ma francamente questa esperienza non me l’aspettavo, ho avuto 4 o 5 giorni in cui ho sofferto come mai in vita mia. Ho provato brividi squassanti che non andavano via con nessun farmaco o terapia. È stata veramente un’esperienza drammatica”.

Una esperienza drammatica l’ha definita Bertolaso, a dimostrazione del fatto che questo virus, come molti pensano, non ha nulla di paragonabile ad una semplice influenza.
Continua poi:
Siccome spesso lo citate, e molti lo criticano, voglio dire grazie pubblicamente ad Alberto Zangrillo ed al professor Tresoldi , infettivologo del San Raffaele, che mi hanno tirato fuori da questo dramma”.

Se non fossi andato a Milano, da Alberto Zangrillo, sarei sicuramente morto“, ha dichiarato, “perché quelli della mia età, in quel periodo, statisticamente sono morti”.

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *