Menu Chiudi

Il massacro di Parigi e le rivelazioni-choc di Gioele Magaldi…

GIOELE MAGALDI ERANO GIA’ UNA MINACCIA…MA NEL FRATTEMPO QUALCUNO HA CONTINUATO A FORNIRE LORO ARMI, MUNUZIONI E QUANT’ ALTRO. GIA’ CI INTIMAVANO L’INVASIONE MA NESSUNO LI HA ASCOLTATI PRENDENDO SOTTOGAMBA LE LORO MINACCE. FINO A CHE SEMINAVANO IL TERRORE IN PAKISTAN O TERRE CONFINANTI NESSUNO HA PARLATO,POI PERO’ HANNO INIZIATO A COLPIRE NOI… E TUTTI HANNO INIZIATO A SVEGLIARSI DAL SONO PROFONDO! Iniziamo nel dirvi questo, il resto potrete leggerlo da soli. Nel 2009 i militari americani del centro iracheno di detenzione di Camp Bucca si videro recapitare l’ordine di rilascio dell’allora oscuro Abu Bakr Al-Baghdadi, l’attuale “califfo” dell’Isis. Oggi, Al-Baghdadi è l’uomo che minaccia l’ Europa e rivendica la strage di innocenti a Parigi.A VOI LE CONCLUSIONI. [banner]Ecco quanto scrive Gioele Magaldi tratto da un articolo di “Libere idee”. “Poi non dite che non vi avevano avvisato. Anche la nuova strage di Parigi era annunciata, e non solo dai proclami bellicosi dell’Isis. Da almeno un anno, nelle librerie italiane (non sui giornali che avrebbero dovuto recensirlo) fa bella mostra di sé lo sconvolgente libro “Massoni”, di Gioele Magaldi, edito da Chiarelettere. Un saggio deliberatamente ignorato dal mainstream, che presenta contenuti scomodi e addirittura devastanti, al punto da costringere a rileggere la storia del ‘900. Alla storiografia ufficiale – l’intreccio di dinamiche socio-economiche di massa – il libro aggiunge l’influenza di una regia occulta. E’ il “convitato di pietra”, il vertice massonico mondiale, spesso evocato ma mai prima “presentato”, con nomi e cognomi. Una struttura di potere marcatamente progressista fino ai primi decenni del dopoguerra, e poi – col doppio omicidio di Bob Kennedy e Martin Luther King – rovinosamente degenerata in una parabola reazionaria, neo-feudale, neo-aristocratica. Dallo storico patto “United Freemasons for Globalization”, la nuova élite ha avuto mano libera fino al Pnac, il piano dei neo-con per il “nuovo secolo americano” su cui costruire il “nuovo ordine mondiale”, quindi l’11 Settembre e la “guerra infinita” (Iraq, Afghanistan, Libia, Siria) che è sotto i nostri occhi, compreso l’ultimo spaventoso massacro di Parigi. E resta sempre nell’ombra uno dei soggetti-chiave degli ultimi sanguinosi sviluppi: si chiama “Hathor Pentalpha” ed è una delle 36 superlogge internazionali dell’oligarchia mondiale. Clicca su MI PIACE per seguirci su Facebook

“Hathor” è l’altro nome della dea egizia Iside, e non è un caso – per Magaldi – che si chiami proprio Isis l’armata di tagliagole del “califfo” Al-Baghdadi, terroristi e miliziani sostenuti da Turchia e Arabia Saudita, appoggiati da settori dell’ intelligence Usa e impiegati in diversi teatri, sempre con la medesima missione: destabilizzare gli assetti statali, generare terrore e caos, ingaggiare l’Occidente in una sorta di Terza Guerra Mondiale che ha come obiettivo strategico il depotenziamento della Cina e l’indocile Russia di Putin. “Ormai la nuova aristocrazia ha colonizzato il pianeta (e l’Europa) col pensiero unico neoliberista: lo Stato deve capitolare, rinnegare la sua funzione storica, servire le multinazionali e non più i cittadini, rassegati a ridiventare sudditi.” Per continuare a leggere, CLICCA QUI!]]>

TI POTREBBE INTERESSARE ANCHE:

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *